Alternativi italiani: sette album in download

Su MediaLibraryOnLine, grazie al servizio di MP3 download, si possono scaricare gratuitamente e legalmente tre canzoni a settimana dal catalogo Sony e The Orchard. Sono presenti nomi storici del panorama musicale nazionale e internazionale e tutte le ultime uscite, ma anche moltissimi album della nuova scena alternativa italiana. Oggi ve ne proponiamo sette, per cominciare: ce n’è per tutti i gusti.

Cosmo - DisordineCosmo – Disordine
Primo album per il torinese Marco Jacopo Bianchi, già nei Drink To Me, “Disordine” è un’opera sorprendente e luminosa, intensa e fatta apposta per ballare. Pop psichedelico ed elettronico dal respiro internazionale accompagnato da parole importanti.
Tre canzoni per cominciare: “Ho Visto Un Dio”, “Le Cose Più Rare”, “Disordine”.

Dente - AlmanaccoDente – Almanacco Del Giorno Prima
Uno dei più significativi fenomeni del cantautorato indie di questi anni, Giuseppe Peveri ha pubblicato tre album dal successo sempre crescente (“Non C’è Due Senza Te”, “L’Amore Non E’ Bello”, “Io Tra Di Noi”, tutti disponibili su MLOL). “Almanacco Del Giorno Prima” è il suo ultimo lavoro, con canzoni sempre molto belle che tanto devono alla storia del pop italiano (Battisti su tutti) e i consueti testi arguti e stralunati.
Tre canzoni per cominciare: “Chiuso Dall’Interno”, “Invece Tu”, “Coniugati passeggiare”.

FASK - HybrisFast Animals And Slow Kids – Hybris
Con un suono chitarristico poderoso figlio dell’indie-rock americano degli anni ’80-‘90 e testi efficacissimi e, a loro modo, generazionali, il secondo album dei perugini Fast Animals And Slow Kids è una delle più belle sorprese dell’Italia del 2013, premiata da pubblico e critica, e uno straordinario passo avanti rispetto all’esordio “Cavalli”.
Tre canzoni per cominciare: “Un Pasto Al Giorno”, “Fammi Domande”, “A Cosa Ci Serve”.

Fuzz Orchestra - Morire Per La PatriaFuzz Orchestra – Morire Per La Patria
Minaccioso, fisico e inquietante, “Morire Per La Patria” è il terzo album del trio milanese Fuzz Orchestra, cui hanno collaborato altri nomi importanti come Xabier Iriondo, Dario Ciffo ed Enrico Gabrielli. Chitarre hard, stacchi free-jazz e ritmiche violente su cui si innestano i campioni vocali più disparati.
Tre canzoni per cominciare: “Sangue”, “La Proprietà”, “Morire Per La Patria”.

King Of The Opera - Nothing OutstandingKing Of The Opera – Nothing Outstanding
Alberto Mariotti aveva già rivelato un gran talento con la pubblicazione di due album di nevrotico blues a nome Samuel Katarro, di cui potete trovare alcune tracce su MLOL nella raccolta “The Death Of Samuel Katarro”. Con la sua nuova creatura King Of The Opera, i suoni si fanno più dolci e dilatati, senza disdegnare concise melodie pop e sperimentazione.
Tre canzoni per cominciare: “Worried About”, “GD”, “The Floating Song”.

Le Luci della Centrale Elettrica - CostellazioniLe Luci Della Centrale Elettrica – Costellazioni
Personaggio tra i più amati/odiati dell’indie italiano a cavallo fra due decenni, Vasco Brondi ha esordito nel 2008 con l’acclamato “Canzoni Da Spiaggia Deturpata”. Dopo un secondo album non altrettanto riuscito, Brondi è ritornato quest’anno con “Costellazioni”, che mai come prima d’ora mette al centro la musica, fornendo sfondi assai vari e spesso evocativi ai soliti testi fluviali del ferrarese.
Tre canzoni per cominciare: “La Terra, L’Emilia, La Luna”, “Le Ragazze Stanno Bene”, “I Sonic Youth”.

Simona Gretchen - Post-KriegSimona Gretchen – Post-Krieg
Dopo l’esordio “Gretchen Pensa Troppo Forte”, all’insegna di un rabbioso cantautorato rock, la metamorfosi definitiva di Simona Darchini si compie in otto tracce ipnotiche e marziali, rette da cupi bassi post-punk e una voce distante che ammalia con liriche sempre potenti.
Tre canzoni per cominciare: “Post-Krieg”, “Hydrophobia”, “Pro(e)vocation”.