Il passato prossimo di un mondo globale: Kapuscinski su MLOL

In passato, quando gli uomini giravano il mondo a piedi, a cavallo o per nave, il viaggio dava loro il tempo di abituarsi al cambiamento. Le immagini della terra scorrevano con lentezza, la scena del mondo si spostava un po’ alla volta. Un viaggio durava settimane, mesi. L’uomo aveva il tempo di abituarsi al nuovo ambiente, al nuovo paesaggio. Anche il clima mutava gradualmente, a tappe successive. Prima di raggiungere la fornace equatoriale, il viaggiatore proveniente dalla gelida Europa aveva già attraversato il grato tepore di Las Palmas, la canicola di El-Mahara e l’inferno di Capo Verde.
Ebano, 1998

2014-10-06_1217

In un mondo ormai globalizzato e di voli low cost, il genere del reportage e la letteratura di viaggio ci raccontano di tempi in cui andare in paesi lontani era ancora un’avventura e una scoperta se non un rischio costante.

Ryszard Kapuściński, giornalista e scrittore polacco fra i più tradotti, è stato uno dei testimoni chiave delle metamorfosi sociali e geopolitiche da cui è stato attraversato il Novecento. Nato nel 1932 e scomparso nel 2007, ha raccontato attraverso i suoi scritti paesi lontani da diversi punti vista. Lontani geograficamente (i paesi che allora venivano descritti come del “terzo mondo”), oppure vicini, anzi vicinissimi alla vecchia Europa ma separati da una cortina di ferro che ha spaccato la storia di questo continente in due.

Vincitore di premi letterari internazionali (lo vedete qui in un’intervista fatta in occasione della laurea ad honorem ricevuta dall’Università di udine) e apprezzato da autori quali Tiziano Terzani, Gabriel García Márquez e Luis Sepúlveda, è considerato uno dei maestri del reportage e del giornalismo d’inchiesta aperti alla scoperta dell’intera vita sociale e culturale di un paese oltre che ai fatti delle sue vicende storiche e politiche.

Su MediaLibrary sono scaricabili in ebook diversi dei suoi titoli, tutti editi in Italia da Feltrinelli.

Dalle memorie di Imperium, il racconto fortemente autobiografico della vita nella sterminata distesa dell’Unione Sovietica a Cristo con il fucile in spalla sulle rivoluzioni che hanno scosso l’America latina negli anni sessanta e settanta. Da Ebano a La prima guerra del football, il racconto delle esperienze vissute e delle persone incontrate come corrispondente dall’Africa. E ancora In viaggio con Erodoto, il libro che ci offre le riflessioni di Kapuściński su che cosa significhi scrivere di viaggi, di culture e di storia fino ad Autoritratto di un reporter in cui la vocazione al giornalismo viene sviscerata nelle sue origini e nei suoi caratteri originali.

Potete trovare gli ebook sul vostro portale MLOL semplicemente scrivendo il nome dell’autore nel campo Cerca e selezionando Ebook download fra le Tipologie. Se non ne trovate, contattate la vostra biblioteca!