Rodari da ascoltare con MLOL

Gianni Rodari (1920-1980) è stato un maestro, poeta, giornalista, autore fra i più stimati di libri per bambini in tutto il mondo. Era convinto che la libertà creativa fosse il pilastro, il fulcro dell’educazione e durante tutta la sua vita, anche attraverso la sua produzione, dimostrò quanto la fantasia, l’immaginazione, fosse una delle facoltà umane fondamentali.

Rodari non riteneva che la creatività fosse un dono speciale, ma era convinto si trattasse di una caratteristica del nostro modo di pensare, conoscere e fare scelte; uno strumento per cercare, dare ordine al mondo e persino trasgredire. Tutti noi scopriamo il mondo e impariamo non passivamente ma interagendo, creando. In particolare i bambini, trasgredendo i modelli convenzionali e allontanandosi dai sentieri battuti, sperimentando, creano la loro personale conoscenza del mondo in modo profondo, con un pensiero che è solo loro e che genera soluzioni spesso inaspettate.

Da qui l’invito a genitori ed educatori a arricchire l’ambiente in cui il bambino cresce con esperienze stimolanti, a offrirgli piccoli giochi quotidiani creativi, per aiutarlo a coltivare la propria creatività a 360°, in tutti i campi dalla pittura alla danza, dal teatro alla musica, dalla poesia alle “storie”.

Sembrano essere state plasmate dai pensieri di un bambino e secondo le regole dei bambini le storie raccontate in una delle sue opere più conosciute: Favole al telefono. Sono le storie, favole brevi e straordinarie, che il signor Bianchi, un commesso viaggiatore del secolo scorso, racconta ogni sera al telefono alla sua bambina. Seppure da allora il mondo sia molto cambiato internet e gli smartphone hanno soppiantato i telefonici pubblici  le favole non hanno perso il loro fascino.

I paesi visitati da Giovanninno Perdigiorno, la minuscola Alice Cascherina che casca dappertutto costringendo il nonno a cercarla, i personaggi anticonformisti che le popolano, i bambini intelligenti e gli adulti ridicoli, la torre di gelato a Bologna e le strade di cioccolato, gli eventi imprevedibili, il linguaggio strampalato testimoniano l’inesauribile capacità di giocare con l’immaginazione e di inventare che caratterizza l’opera di Rodari. Le favole al telefono sono disponibili su MLOL in audiolibro, da ascoltare in streaming, nell’edizione della Emons letta da Claudio Bisio.

Claudia Pandolfi invece, sempre per Emons, legge La torta in cielo, un romanzo del 1966, che racconta della misteriosa e gigante torta volante apparsa un giorno nel cielo di Roma. Da principio si pensa si tratti di un UFO, perciò viene costituito un comando militare per gestire l’emergenza. Saranno Paolo e Rita, figli del vigile urbano Meletti messo a guida del comando, a scoprire che si tratta di una torta di cioccolato.   La  torta è abitata da un professore dal nome segreto che racconta a Paolo come accidentalmente il suo fungo atomico dirigibile  si sia trasformato in quel dolce gigante. Sarà una frotta dei bambini ad aiutare lo scienziato a respingere l’assalto di industriali e militari e a liberarsi della torta.

Nel libro degli errori, le filastrocche e brevi racconti che invitano a cercare gli errori e a correggerli sono letti da Lunetta Savino. Il professor Grammaticus, un fanatico della grammatica, non ammette errori e li corregge con le matite rosse e blu temperate con cura dalla sua domestica. Quelli ortografici sono i più facili da scovare, ma il professore dall’aspetto severo è in realtà molto sensibile e saprà riconoscere non solo quelli della lingua italiana ma anche i più gravi commessi per arroganza e pregiudizio.

Cercate questi classici della letteratura per l’infanzia nel vostro portale MLOL (ecco la lista dei sistemi bibliotecari aderenti).  Se non fossero presenti, chiedete in biblioteca!