Vocable: la rivista d’attualità per imparare le lingue straniere

2019-01-16_1325

L’edicola di MLOL è ricca di riviste da tutto il mondo e in tantissime lingue, non tutti però le conoscono bene o hanno quella padronanza che consente loro di comprendere testi complessi dal punto di vista lessicale e sintattico come quelli pubblicati dai maggiori organi di stampa, destinati ai madrelingua.

Per questa ragione in alcune nazioni, soprattutto quelle non anglofone, sono nate riviste dedicate a chi sta imparando una lingua straniera i cui articoli, oltre a presentare diversi gradi di difficoltà, sono solitamente accompagnati da note esplicative che favoriscono l’apprendimento.

Una di queste è Vocable, il quindicinale francese che attraverso articoli tratti da giornali internazionali e notizie d’attualità si propone come strumento per migliorare l’inglese, il tedesco e lo spagnolo. Fondato nel 1983 da Dominique Lecat, pubblicato dalla Maubeugeoise Publishing Company e riconosciuto nel 2011 dal Ministero dell’Istruzione francese come rivista di interesse pedagogico, è disponibile in quattro diverse versioni:

Vocable All english, in cui gli articoli e le note esplicative sono in inglese e che, al posto della traduzione dei vocaboli, propone dei sinonimi nella stessa lingua.
Vocable Spagnolo (Espagnol), Vocable Tedesco (Allemand) e Vocable Inglese (Anglais) sono invece le versioni con testi nelle tre lingue ma con note e traduzione dei vocaboli in lingua francese.

2019-01-16_1430.png

Tra le fonti degli articoli, adattati e semplificati dai redattori di Vocable, troviamo quotidiani e giornali illustri come The New York Times, The Economist e The Independent per la lingua inglese, El Pais e Abc per la lingua spagnola, Der Spiegel e Wirtschaftswoche per il tedesco.

Gli articoli trattano svariati argomenti, quali cultura e società, tecnologia e scoperte scientifiche, parlano dei protagonisti dell’attualità e dei temi caldi del momento. Ad essi si aggiungono anche interviste dei giornalisti che compongono la redazione a protagonisti del mondo della cultura. Per ciascun articolo (escluse le interviste rilasciate dalla rivista) è specificato, di fianco al titolo, il paese di provenienza e il livello di difficoltà, che è espresso secondo la classificazione QCER (facile A2-B1, media B2-C1 e difficile C1-C2).

2019-01-16_1432.png

Ciascuna uscita contiene anche una sezione per far pratica della lingua, Pratic’able, con approfondimenti ed esercizi per migliorare lessico e grammatica.

A volte gli articoli possono contenere link al sito di Vocable o al suo canale YouTube per contenuti extra in video. La versione cartacea in abbonamento prevede anche un CD con le tracce audio degli articoli pensati per migliorare anche la propria pronuncia e la comprensione orale. Purtroppo non sono disponibili nella versione che trovate nell’edicola di MLOL, ma ricordate che è sempre possibile attivare la funzione text to speech incorporata in PressReader.

Come tutte le riviste presenti nei portali MLOL e distribuiti da PressReader, può essere consultata da pc ma anche da smartphone e tablet grazie all’apposita app che consente di leggere i giornali preferiti anche offline.