Fior fior di gialli su MLOL

Due autori francesi che conoscono il successo in età adulta, due opere premiate, due romanzi gialli. In comune la casa editrice e/o che li ha pubblicati e fatti scoprire ai lettori italiani, ma non solo.

Parliamo di Michel Bussi e Valérie Perrin.

Michel Bussi è un autore francese di origini normanne (1965). Geografo, insegna geografia elettorale all’Università di Rouen e al tempo stesso dirige un laboratorio del CNRS. Autore di un centinaio di pubblicazioni scientifiche ma anche di gialli cui fa da cornice il patrimonio regionale normanno. Deve il suo successo a Ninfee nere pubblicato da Presses de la Cité: molto apprezzato dai suoi lettori è il giallo francese più premiato del 2011, con ben cinque premi.
È ambientato a Giverny – paese in cui ha vissuto Claude Monet – dove una donna anziana, dall’alto del suo mulino, osserva e sorveglia il mondo sotto di lei: il quotidiano del villaggio, l’arrivo dei turisti, corpi che si muovono, la vita. Osserva due donne in particolare; una, dagli occhi color ninfea che sogna l’amore e la fuga; l’altra, undici anni, che ama da sempre la pittura. Entrambe si troveranno al centro di una tempesta.

Valérie Perrin è nata nel 1967 a Gueugnon, un piccolo comune francese nella regione della Borgogna. Fotografa di professione e sceneggiatrice ha collaborato con il regista Claude Lelouch (suo compagno) per la stesura di diverse sceneggiature. Ma l’amore per la scrittura e il desiderio di scrivere romanzi si fanno sentire e, tra una sceneggiatura e l’altra, in gran segreto, si dedica alla stesura di Les oubliés du dimanche, pubblicato nel 2015. Il successo arriva col secondo romanzo Cambiare l’acqua ai fiori particolarmente apprezzato da pubblico e critica e vincitore del premio Maison de la Presse (2018). Protagonista è Violette Toussaint, custode del cimitero di una piccola città della Borgogna. La gente di passaggio e i frequentatori abituali vanno nella sua casetta a confidarsi e riscaldarsi, la piccola squadra di becchini e il giovane prete formano invece la sua strana famiglia. Ma quali eventi hanno portato Violette in questo universo in cui tragico e comico si intrecciano?

Ninfee Nere di Michel Bussi e Cambiare l’acqua ai fiori di Valérie Perrin: due raffinati gialli francesi dove i fiori fungono da taciti spettatori (eccolo l’altro ingrediente in comune). Accompagnano il lettore nelle magistrali caratterizzazioni dei luoghi, talmente vive e tangibili da sostituire la realtà quotidiana nel momento in cui gli occhi scorrono attraverso le pagine. In queste sottili scenografie si dipanano snodi geniali, con protagonisti dai tratti psicologici ed emotivi abilmente tratteggiati. I sentimenti pervadono l’atmosfera facendo scaturire nella mente ipotesi personali, preferenze verso certi personaggi e ostilità verso altri, proseguo immaginari delle storie puntualmente rimescolati dai nuovi spunti gettati, riga dopo riga, dalla maestria degli autori. 

Due libri accomunati sotto molteplici aspetti in termini di espedienti di scrittura, ma soprattutto entrambi esempi di una perfetta riuscita narrativa: se ne avete amato uno è altamente probabile che vi innamoriate anche dell’altro. 

Gli ebook citati (e anche altri titoli degli autori)  sono disponibili per il prestito digitale sulle piattaforme MLOL offerte dai sistemi bibliotecari italiani. Per iscrivervi al servizio, cercate il vostro in questa lista