I 150 anni della tavola di Mendeleev

Chiedete ad un chimico, o a chiunque abbia studiato la materia durante il liceo o all’università, chi fu l’inventore della tavola periodica. Quasi certamente la risposta sarà Mendeleev: in effetti fu proprio lo scienziato russo Dmitrij Ivanovic Mendeleev (1834-1907) a presentare per la prima volta, nel marzo del 1869, la Tavola periodica degli elementi, così come la conosciamo oggi.
Periodic table by Mendeleev, 1871

Ciò ovviamente non significa che non ci fossero stati tentativi precedenti di spiegare e sistematizzare il mondo della materia. I primi furono i Greci che già nel 400 A.C. avevano organizzato gli elementi terreni in quattro gruppi: aria, acqua, terra e fuoco. Continua a leggere

Liste per l’estate

BiblioMediaBlog si prende una pausa estiva, ma non vi lascia senza consigli di lettura!
Fra le liste create dai lettori e dalle biblioteche che aderiscono a MLOL ne abbiamo scelte alcune che ci sono piaciute particolarmente.

Partiamo con i consigli di lettura per bambini e ragazzi e in particolare dalla bella selezione per l’estate 2019 della Biblioteca Sala Borsa Ragazzi.
È invece destinata ai ragazzi dagli 11 ai 14 anni la lista TEMPO LIBeRO in rete 2019 della Rete Bibliotecaria Bergamasca che raccoglie i titoli della bibliografia omonima disponibili in digitale.

Forse è un cliché, ma è vero che spesso il primo amore sboccia d’estate, per questo motivo ai lettori dai 16 anni in su consigliamo la lista L’amore quando arriva.

Sempre alla stessa fascia d’età è dedicata Millennium di Adriana C., che propone romanzi e racconti che parlano di vita quotidiana o narrano avventure al limite dell’incredibile di cui sono protagonisti assoluti ragazzi e giovani.

Estate non è sempre sinonimo di mare (così come lettura non è sinonimo di narrativa). A chi piace passeggiare in montagna, ma non solo, e vuole approfondire il senso del camminare proponiamo A passo lento di Biblioteca C. Pavese.

A chi invece ama immergersi nel verde dei boschi suggeriamo Il grande bosco di BiblioCittàStudi che raccoglie letture a tema: da Ascoltare gli alberi di Thoreau a Arboreto salvatico di Rigoni Stern, da Il bosco è un mondo di Fratus a La timidezza delle chiome di Maroè.

C’è chi in ferie parte per lunghi viaggi alla scoperta di nuovi paesi e culture diverse dalla propria, e chi invece vorrebbe tanto farlo ma resta in città. In questo caso proponiamo Encuentro,  la lista a cura della Biblioteca comunale di Perugia che raccoglie i libri degli autori presenti al Festival dedicato alla letteratura spagnola e latinoamericana, svoltosi a Perugia dal 1° al 5 maggio 2019.

Se però preferite l’Oriente la lista Il secolo asiatico – Narrazioni e società della Redazione di EmiLib  può essere un bel punto di partenza per approfondire la vostra conoscenza di quella vasta e complessa parte di mondo.

Appassionati di gialli? Emilib propone Giallo all’italiana: Proposta di lettura per chi non vuole perdersi nemmeno un brivido! (adatto alle giornate particolarmente torride),
ma se preferite il giallo classico può esservi utile Chi è stato? Alla scoperta (o riscoperta) dei classici del giallo. E se il giallo è una passione di famiglia, vi proponiamo di scegliere fra gli ebook destinati ai ragazzi dagli 11 anni, raccolti nella lista Giallo e nero: delitti e misteri.

Bellissima la selezione di titoli  che troviamo nella lista Scrittrici internazionali premiate: Grazia Deledda, Toni Morrison, Wislawa Szymborska, Selma Lagerlöf, solo per citarne alcune. Si passa dall’America della Guerra Civile alla Sardegna delle tre nobili sorelle Pintor, da Cape Town a Vienna, guidati da scritture diversissime fra loro ma capaci di aprirci alla conoscenza di mondi complessi.
Per finire: abbiamo appena scritto che estate non è solo sinonimo di mare, ma quest’anno il mare dovrebbe essere nei nostri pensieri (e nelle nostre scelte quotidiane). Approfittiamo del periodo di vacanza per iniziare ad adottare dei comportamenti che riducano la plastica che ciascuno di noi scarta quotidianamente e che sta inquinando mari e oceani. Nella lista Stop alla plastica! trovate alcune guide con  tanti utili consigli per modificare positivamente il proprio impatto ambientale, oltre a risorse per capire cosa sta accadendo, come i mari stiano mutando velocemente sotto i nostri sguardi indifferenti.

Buona estate a tutti!

In viaggio con MLOL

“Il mondo è un libro, e chi non viaggia ne legge solo una pagina” scrisse più di 1500 anni fa Sant’ Agostino e questa citazione è ancor oggi attuale. Infatti l’uomo è sempre stato per sua natura un viaggiatore: partendo dalla preistoria con la ricerca di cibo e riparo, passando per le conquiste romaniche, e arrivando alle esplorazioni rinascimentali e alle grandi scoperte.

Oggi invece il viaggio è soprattutto “di piacere”, di comprensione di altre culture, di esplorazioni naturali, di conoscenza di opere d’arte, di curiosità per realtà lontane dalla nostra. Ogni anno sempre più persone intraprendono viaggi e i dati statistici mostrano che questa passione è in costante aumento: nel 2018 la Francia con 87 milioni di arrivi è stato il Paese più visitato al mondo, seguito da Spagna con 81 milioni e Stati Uniti d’America con 77 milioni. Continua a leggere

Quel genio di Leonardo… (da Vinci)

Leonardo_selfIl 2019 è l’anno di Leonardo Da Vinci. Ricorrono, infatti, quest’anno i 500 anni dalla morte di uno dei geni indiscussi del Rinascimento italiano e numerosi sono gli eventi organizzati in tutta Italia per celebrare il suo multiforme ingegno. Anche la redazione di BiblioMediaBlog vuole unirsi alle celebrazioni proponendo una serie di risorse utili per conoscere un po’ più da vicino l’uomo, nato a Vinci nel 1452 e morto ad Amboise – in Francia – il 2 maggio 1519, che ha rivoluzionato sia le arti figurative sia la storia del pensiero e della scienza.

Architetto, artista, scienziato, già allievo di Andrea Del Verrocchio, Leonardo si distinse subito per la vastità dei suoi interessi e per i contributi che diede anche nelle materie scientifiche. Dalla sua perspicace osservazione della natura e, soprattutto, dalla sua capacità di saper coniugare ricerca scientifica e attività artistica nacquero capolavori come la Gioconda o l’Ultima cena, ma anche intuizioni notevoli, come l’idea che un giorno l’uomo sarebbe stato in grado di volare. Continua a leggere

1919-2019: un secolo di Bauhaus

Correva l’anno 1919: nella neonata Repubblica di Weimar, sorta sulle macerie della prima guerra mondiale, prese avvio una delle avventure artistico-culturali più straordinarie di inizio secolo. La città di Goethe e Schiller, simbolo del classicismo tedesco, divenne culla di una rinascita civile che intendeva prendere le distanze dal rigido militarismo che aveva caratterizzato il dissolto impero del Kaiser.Bauhaus logoIn questo quadro socio-politico, l’architetto Walter Gropius elaborò un rivoluzionario progetto pedagogico rivolto ai giovani: a suo modo di vedere, l’esercizio del talento artigianale, unito all’addestramento dello spirito, avrebbe saputo dar vita, attraverso le arti, a una comunità nuova. Fu questa scintilla a innescare l’originale esperienza del Bauhaus.

La scuola del Bauhaus impegnò appassionatamente, fra contrasti e contraddizioni, i migliori talenti artistici del periodo: Johannes Itten, Paul Klee, Wasilij Kandinsky, Oskar Schlemmer, Ladzlo Moholy-Nagy, Mies van der Rohe, Lyonel Feininger e poi scultori, costumisti, grafici e moltissimi artigiani. Direttori, maestri, allievi si ritrovarono coinvolti in un’esperienza totalizzante, mossi dall’entusiasmo di lavorare alla costruzione della nuova “opera d’arte unitaria” del futuro.

Nella concezione di Gropius, “la scuola è al servizio dell’officina e un giorno dovrà risolversi in essa. Perciò al Bauhaus non ci saranno insegnanti e studenti, ma maestri, lavoranti e apprendisti”. L’insegnamento dell’architettura venne per i primi anni lasciata da parte: ci si concentrò invece sulla produzione di “cose di uso quotidiano, che devono essere semplici, funzionali e ben fatte”. L’esperienza del Bauhaus è considerata fondamentale per la nascita del design: molti degli oggetti di arredamento progettati al suo interno rappresentano dei modelli ancora oggi ammirati e imitati.

Marianne brandt, teiere, 1924 (cropped)

Marianne Brandt: Teiera – WikiMedia Commons – P.D.

Continua a leggere