Novità su MLOL: gli ebook dell’editore 66thand2nd

Il catalogo degli ebook disponibili per il prestito digitale bibliotecario si sta pian piano arricchendo e, oltre ai titoli delle grandi case editrici, hanno fatto la loro comparsa anche quelli di editori indipendenti: diversi fra loro per scelte editoriali e tipologia d’offerta, tutti accomunati dalla grande cura e attenzione per il loro prodotto e per il lettore.
Fra questi, ci piace segnalare la casa editrice romana 66thand2nd, il cui nome – che indica un incrocio di strade newyorkesi – ha in sé il tema del crocevia ma anche quello dello stabilirsi, del “metter su” casa, rimandando all’idea della casa editrice come casa dei lettori. Il progetto editoriale nasce durante un viaggio di lavoro negli USA di Isabella Ferretti e Tomaso Cenci, una coppia di avvocati, che progettano di proporre ai lettori italiani generi non presenti nel panorama editoriale nostrano: la letteratura sportiva e il meticciato letterario.

Lo sport è un grimaldello narrativo potente. Qui accadono i miracoli e si trovano maestri. Attraverso lo sport 66thand2nd racconta una società vitale e sana. Il canto dei grandi campioni attinge al passato per rafforzare il presente in un’epica non retorica ma profondamente umana. [Robinson]

Due sono le collane dedicate allo sport: Attese e Vite inattese. In Attese sono raccolti racconti e romanzi, sia di giovani autori che di classici della letteratura. Tra i primi ricordiamo i romanzi di Anthony Cartwright – uno dei più interessanti narratori inglesi contemporanei. Iron towns. Città di ferro, ad esempio, è uno splendido ritratto della Gran Bretagna odierna, dove Liam Corwen, un calciatore ormai anziano, sta per chiudere la sua deludente carriera nella squadra di Iron Town. Il bilancio della sua vita privata non è più positivo di quella sportiva, ma nemmeno diverso da quello dei suoi amici di sempre: una generazione le cui ambizioni sono arrugginite come le officine delle città siderurgiche in cui vivono, ma che resta caparbiamente in attesa di un riscatto. Continua a leggere

Autobiografie di campioni sportivi – seconda parte

Riprendiamo il nostro percorso sulle autobiografie di campioni sportivi partendo dagli atleti degli sport invernali.

Sono spesso i giochi olimpici a portare alla ribalta questi sportivi: è il caso di Armin Zöggeler, il solo atleta italiano ad aver vinto sei medaglie individuali consecutive – due ori, un argento e tre bronzi – ai Giochi olimpici, in una disciplina, lo slittino,  che ha regalato molti successi al medagliere italiano. Il titolo della sua autobiografia, Ghiaccio acciaio anima esprime un trittico che ben rappresenta questo atleta dalla lunghissima carriera, giunto ai massimi livelli mondiali. Scopriamo che fin da piccolo era in simbiosi con lo slittino: era infatti il mezzo per scendere dal maso in cui abitava fino a valle per andare a scuola. La confidenza con lo slittino fin da bambino certamente alimentò il talento precoce di Zöggeler, che vinse la sua prima gara internazionale a soli 11 anni.

Sempre per rimanere tra le montagne è da notare come i più prolifici nel raccontare le proprie gesta siano gli scalatori: il lungo isolamento dal resto del mondo durante le loro imprese forse favorisce pensieri e riflessioni da fissare in forma scritta.

Piz Badile - Cassin route
Continua a leggere