L’America sotto esame: Ray Bradbury e la fantascienza reale

Quando si parla di Ray Bradbury e del genere fantascientifico americano non si può non fare riferimento ai suoi due capolavori per i quali è noto in tutto il mondo: Fahrenheit 451 e Cronache marziane. L’elogio alla lettura e alla riflessione critica del primo e la messa a nudo della paure della società americana degli anni Cinquanta hanno valore ancora oggi in una società dominata dalla postverità e da una fiducia assoluta nella tecnologia digitale.

Bradbury, però, non è stato solo questo.

Continua a leggere

Storie stupefacenti su MLOL

Edgar Allan Poe può essere giustamente considerato il padre della “scientifiction”. Fu lui a dare origine al genere, intrecciando sapientemente elementi romanzeschi e scientifici. Jules Verne, con i suoi stupefacenti romanzi, anch’essi sapientemente intessuti di elementi scientifici, lo seguì. Poco più tardi arrivò H.G. Wells le cui storie di “scientifiction”, come quelle dei predecessori, sono divenute famose e immortali

Queste le parole che Hugo Gernsback, fondatore del Pulp Magazine Amazing Stories, affidò al suo editoriale del primo numero della rivista, non solo coniando il termine “scientifiction” che da lì in poi avrebbe indicato il genere (evolvendosi in science fiction e in sci-fi) ma anche delineando chiaramente la sua visione.

Era l’aprile del 1926 e Gernsback (che aveva l’ambizione di rinnovare il panorama dell’editoria americana) dava il via alla prima e più longeva rivista in lingua inglese, erede dei Dime Novels, dedicata alla storie di fantascienza, a storie stupefacenti, intessute di fatti scientifici e visioni profetiche come quelle di Poe, Verne e Wells.

Edgard Allan Poe era stato non solo un autore di racconti brevi, la forma preferita dagli autori della futura fantascienza, ma aveva anche attraversato i temi dell’ignoto e dell’infinito, si era occupato di alterazioni dello stato di coscienza, di realtà alternative, di viaggi sulla luna e della fine del mondo. Continua a leggere

Io sono vivo, voi siete morti: il Philip Dick di Emmanuel Carrère

vivantChi non è più giovane e si è appassionato a Philip Dick quando, negli anni ‘80, uscì Blade Runner (il primo di una lunga serie di adattamenti cinematografici delle sue opere); chi lo ha scoperto successivamente, ormai entrato a pieno titolo nel canone degli scrittori di fantascienza che hanno traghettato questo genere nella letteratura, spogliandolo di quell’aura di “minorità” che aveva avuto nei suoi primi decenni di vita; chi lo conosce solo attraverso il volto di Arnold Schwarzenegger, protagonista di Atto di forza, o attraverso quello di Tom Cruise nel successivo Minority Report di Spielberg: sono comunque poche le persone che non hanno mai incontrato la fervida immaginazione di Philip K. Dick. Continua a leggere

In orbita con [Biblio]MediaBlog!

L’astronomia e l’universo hanno da sempre affascinato l’uomo, ma è a partire dagli anni Cinquanta del secolo scorso che è iniziata la cosiddetta corsa allo spazio, costellata da grandi imprese. Tra le più significative, ricordiamo quella del cosmonauta Jurij Gagarin, primo essere umano a volare nello spazio in orbita ellittica attorno alla Terra (la sua missione iniziò il 12 aprile 1961), mentre Valentina Vladimirovna Tereškova fu la prima donna astronauta, in missione il 16 giugno 1963. Pochi anni dopo, il mondo intero poté assistere in diretta televisiva ad un grande evento, ovvero il distacco dell’Eagle dal modulo di comando Columbia che portò sulla Luna Armstrong e Aldrin, i due astronauti della missione Apollo 11: era il 20 luglio 1969.

Bean Samples The Ocean of Storms

Continua a leggere

Alessandra Montrucchio – E poi la sete

E_poi_la_seteNel 2088 una catastrofe ecologica cambia i connotati della terra. Il mondo è per lo più sommerso dai mari e le terre emerse sono desertificate, la popolazione soffre per la scarsità di risorse alimentari e idriche, molti stati sono militarizzati e le tensioni sociali sono fortissime.

Mentre i ricchi dispongono di tutto, soprattutto dell’acqua, ai poveri manca tutto, persino l’acqua. E in questo mondo sporco, assetato, violento, dove la dignità non esiste più e la lotta per la sopravvivenza ha la meglio su tutto, si incrociano i destini di Sarah e Gael. Continua a leggere