Un tunnel lungo due secoli

L’Euro Tunnel è il tunnel ferroviario che si trova sotto l’acqua del Canale della Manica e che collega la Gran Bretagna con la Francia continentale, è lungo circa 50 km di cui 39 si trovano a 40 metri sotto il livello del mare. Inaugurato il 6 maggio del 1994 e aperto al trasporto pubblico nel dicembre dello stesso anno, è considerato una delle più grandi imprese ingegneristiche del XX secolo.

AlbertMathieuFavierPlanOfCoachServiceThroughtTheChanneltunnel

Diligenza nel tunnel sotto la Manica – A.M. Favier – Public Domain

Per secoli,  l’unico modo per attraversare il Canale della Manica era in barca o con la nave ma, a causa delle acque agitate o del tempo inclemente, la traversata non era cosa semplice. Non ci deve sorprendere, quindi, se già  nel 1802 si stessero cercando soluzioni alternative per l’attraversamento di quel tratto di mare.

Fu l’ingegnere minerario francese Albert Mathieu Favier a proporre, per primo, la realizzazione di un tunnel sotto l’acqua del Canale della Manica, che consentisse  l’attraversamento di quel tratto di mare alle carrozze trainate dai cavalli, ma il suo progetto, nonostante l’appoggio di Napoleone Bonaparte, fu respinto dagli inglesi, timorosi, giustamente, che l’intento fosse quello di invadere l’Inghilterra.

Studio del tunnel sotto marino di M. A. Thomé de Gamond – Gallica – Pubblico Dominio

Nel corso del XIX, l’idea venne ripresa e fu il francese Aimé Thomé de Gamond (1807-1876) a intraprendere le prime vere indagini geologiche e idrografiche per la realizzazione dell’opera, anche se dovette aspettare fino al 1875, quando il Parlamento inglese e quello francese autorizzarono la Channel Tunnel Company Ltd a perforare i primi pozzi su entrambi i lati del Canale. Continua a leggere

Jain: musica afro-francese su MLOL

Nascere a Tolosa, trascorrere l’infanzia e la giovinezza in Congo, poi a Dubai e ad Abu Dhabi prima di tornare a Parigi: una vita nomade che non è più una rarità per le generazioni dei giovanissimi e che ha permesso a Jain – rivelazione della musica francese, anno di nascita 1992 – di avvicinarsi a tradizioni variegate quanto lo è la sua musica.

Le percussioni arabe, il reggae, l’influenza di artisti come Youssou N’Dour, Miriam Makeba e Salif Keita, ma anche l’elettronica e un gusto più europeo per le versioni acustiche delle canzoni di cui è anche autrice, hanno fatto di lei un’artista apprezzata in particolare nelle sue apparizioni live.
Continua a leggere

La Francia in edicola

L’edicola di MLOL è fornitissima, potete trovarci tantissimi quotidiani e periodici, sia nazionali che internazionali, da sfogliare e leggere sia sul vostro pc che dai vostri dispositivi mobili. Particolarmente ricca e interessante, per la varietà e la consistenza dell’offerta, è la sezione dei giornali francesi distribuiti dall’aggregatore PressDisplay di cui vi abbiamo parlato qui.

Se in PressDisplay, dall’elenco delle nazioni, selezionate la voce Francia, vi appariranno più di cento risultati. 2014-06-19_2106

[Biblio]Mediablog ne ha scelti alcuni per voi.

Continua a leggere