L’archivio storico de l’Unità

Era il 12 febbraio del 1924 quando venne stampato il primo numero de l’Unità – Quotidiano degli operai e dei contadini, quotidiano politico voluto da Antonio Gramsci; un nome, L’Unità, di buon auspicio, forse, ma soprattutto una chiara indicazione della direzione da intraprendere in tempi di divisioni e di conflitti.
«Il giornale non dovrà avere alcuna indicazione di partito. Dovrà essere un giornale di sinistra. Io propongo come titolo l’Unità puro e semplice che sarà un significato per gli operai e avrà un significato più generale» (Antonio Gramsci, lettera per la fondazione de l’Unità, 12 settembre 1923)

La sua è stata una storia travagliata. A soli due anni dalla prima apparizione, in seguito alle leggi fasciste sulla stampa, venne soppresso; nel 1927 riprese con pubblicazioni saltuarie, in clandestinità dalla Francia (più che altro si trattava di un foglio di propaganda antifascista), e solo nel 1944, a Roma, e nel 1945 anche nel nord Italia, ritornò regolarmente nelle edicole. Fu Palmiro Togliatti, leader del PCI, a sostenere fortemente la rinascita del quotidiano (fu lui a nominare direttore Pietro Ingrao) che avrebbe dovuto proporre una narrazione delle vicende italiane alternativa a quella del Corriere della Sera, il quotidiano della borghesia. Continua a leggere

Archivi storici di giornali italiani e stranieri

 

archivio storico

archivio storico

Tra le banche dati selezionate e rese disponibili in MediaLibrary, ci sono gli archivi storici di giornali italiani e stranieri. In alcuni casi si tratta degli archivi “correnti” e cioè della raccolta di articoli pubblicati dai primi anni ‘90, quando, con l’arrivo dei pc nelle redazioni, i giornali nascono in formato digitale, ai nostri giorni, in altri delle edizioni storiche digitalizzate, come nel caso de La Stampa, l’Unità, Le Figaro o  Le Temps.

Continua a leggere