Una montagna di libri

All’incirca a metà della stagione sciistica, purtroppo caratterizzata da un inverno così caldo che ha lasciato spesso le piste prive di neve, vi proponiamo un percorso fra racconti, romanzi, biografie e saggi per capire e amare la montagna.

montagna1

Cominciamo con uno dei più bei racconti di Erri De Luca, Il peso della farfalla,  che narra della vita parallela di due grandi solitari: il re dei camosci e il re dei bracconieri. Entrambi sono raccontati nel tramonto della loro esistenza. I loro muscoli sono ancora vigorosi, la loro conoscenza del territorio strepitosa e intatta, la loro esperienza sconfinata, il loro orgoglio inalterato e incorrotto, ma entrambi hanno il sentore dell’avvicinarsi del traguardo finale, della necessità di cedere dignitosamente il passo. Da circa vent’anni i due “re” si cercano o si evitano. Si confrontano a distanza, consapevoli che sarebbe arrivato il momento dell’incontro ravvicinato. Il duello infinito dei due solitari della montagna Continua a leggere

Escursionismo e natura nell’edicola di MLOL

trekking

Il 30 dicembre del 1984 usciva il numero 1 di Trekking, rivista di escursionismo e cultura naturalistica che sin da subito si propose come voce fuori dal coro tra i periodici di viaggio e turismo.
Lontano dalle logiche mordi e fuggi dei viaggi organizzati e dal culto delle mete esotiche, Trekking introduceva un approccio al viaggio alternativo e “a passo lento”. I viaggiatori e lettori della rivista venivano invitati a percorrere sentieri − a piedi con lo zaino in spalla o in bicicletta − a scalare montagne, visitare grotte, esplorare vulcani, discendere cascate in canoa; in ogni parte del mondo, ma anche a due passi da casa, per scoprire un modo di viaggiare che consentiva un contatto autentico con l’ambiente, la sua storia e i suoi abitanti. E così, anno dopo anno, la rivista non solo ha esplorato e fatto conoscere tantissimi itinerari escursionistici in ogni regione d’Italia e in molti luoghi del pianeta di interesse naturalistico, ma ha anche contribuito a creare una “coscienza escursionistica”. Continua a leggere