Esplorazioni spaziali: chi ci è stato, che cosa ne sappiamo, che cosa leggere su MLOL

Nelle belle sere dell’autunno passato una grande stella rossa fu veduta per più mesi brillare sull’orizzonte meridionale del cielo; era il pianeta Marte, che si accostava per qualche tempo alla Terra in una delle sue apparizioni, solite a ripetersi ad intervalli di 780 giorni. […] Nei tempi ormai per sempre passati, quando si pretendeva di leggere in cielo l’avvenire degli umani eventi, queste grandi apparizioni di Marte erano lo spavento dei popoli, e davano molto da fare agli astrologi, ai quali incombeva il compito, non sempre facile, di studiare l’influsso del pianeta sulle vicende guerresche e sulle costellazioni politiche del momento. Anche ora la grande apparizione testè avvenuta di Marte ha destato il pubblico interesse; ma per una ragione ben diversa. Oggi è nata presso alcuni la speranza, che da osservazioni diligenti fatte sulla sua superficie con giganteschi telescopi, si possa ottenere quando che sia la soluzione di un gran problema cosmologico; arrivar cioè a sapere, se i corpi celesti possano dirsi sede di esseri intelligenti, o, almeno, di esseri organizzati.
(Giovanni Schiaparelli, La vita sul pianeta Marte, 1893)

Il ventunesimo secolo è iniziato quasi da vent’anni e oggi le domande sono mutate: non solo ci chiediamo se c’è vita intelligente nell’universo, ma anche se quella vita intelligente non sarà per caso quella umana, trasferita lontano dal pianeta Terra.

Se siete fra le molte persone che si sono entusiasmate alla lettura del Diario di un’apprendista astronauta di Samantha Cristoforetti, potrete apprezzare quello che è ormai un intero filone dell’editoria contemporanea, quello dedicato alla divulgazione scientifica sull’esplorazione dello spazio e, ancora più in particolare, quello che si dedica alla possibilità che la vita umana sopravviva al di fuori del suo pianeta d’origineContinua a leggere

Appassionatamente curiosi con MLOL

Non ho particolari talenti, sono solo appassionatamente curioso
(Albert Einstein, da una lettera a Carl Seelig, 11 marzo 1952)

La curiosità, il porsi domande e il desiderio di trovare risposte non scontate, è una qualità del pensiero che accomuna tutti gli scienziati. La curiosità è alla base della stessa scienza che, se vogliamo semplificare, si propone di osservare qualsiasi cosa per comprenderne il funzionamento, ed è anche il catalizzatore che porta a nuove scoperte scientifiche.

A sua volta la ricerca scientifica dimostra che coltivare la propria curiosità – che aumenta le capacità di apprendere e conservare informazioni – può rendere più intelligenti. Dalle ricerche risulta inoltre che più si è curiosi maggiore è la capacità di entrare in contatto con gli altri, ma anche di crescere personalmente proprio grazie all’apertura a nuove esperienze. Chi è curioso è capace di andare al di là degli stereotipi, usa la propria curiosità per cercare di capire le idee e credenze di un’altra persona, per esaminare le proprie opinioni ed ipotesi e decidere se attenersi ad esse o cambiarle.

È quindi buona cosa coltivare questa qualità del pensiero lungo la propria esistenza e sin dall’infanzia. Ma come? Continua a leggere

Rita Levi-Montalcini in ebook

Rita Levi-Montalcini a Napoli nel 1946, da La Stampa 08/09/2016, CC BY-NC-ND

Di Rita Levi-Montalcini il grande pubblico conosce il nome per la sua importanza nella storia culturale e scientifica italiana, nonché nel panorama della scienza globale. La sua biografia è sufficiente per comprendere quale sia stato il suo contributo nel ruolo di donna intellettuale italiana che ha partecipato da protagonista a molte rivoluzioni culturali del nostro paese. La vera grandezza della sua personalità si evince soprattutto dalla profondità dei suoi scritti.
Continua a leggere

L’evoluzione di Calpurnia – Jacqueline Kelly

 

In realtà, la lucciola di Travis fu l’unica che vedemmo, quella sera. Nonostante sapessi che le lucciole sarebbero tornate l’anno dopo, sembrava l’estinzione di una specie. Che tristezza essere l’ultimo individuo della tua specie, emettere i tuoi segnali nel buio, da solo, al nulla. Ma io non ero sola, giusto? Avevo imparato che ne esistevano altre della mia specie, là fuori.

La specie a cui Calpurnia appartiene è quella delle signore Curie, Maxwell, Kovalevsky, Bird. Di donne che si sono dedicate alle equazioni, ai gufi, ai viaggi in mondi sconosciuti, alla radioattività. Alla scienza insomma. Siamo in Texas, nell’estate del 1899, un’estate di temperature altissime e terribili.
Continua a leggere