Paola Predicatori – Il mio inverno a Zerolandia

Inverno_a_zerolandia“Non è vero che sono solo le persone a soffrire di nostalgia, anche le cose sanno cos’è. Io l’ho imparato guardando quelle che ha lasciato mia madre quando entro in silenzio nella sua stanza. È tutto lì che attende e come me non vuole farsene una ragione. Piccoli oggetti testardi tutto cuore”

Zerolandia è la terra della solitudine e del silenzio, è lo spazio dello spaesamento e dell’azzeramento, è la dimensione che permette l’affioramento del ricordo, del dolore ed infine della speranza. E’ il luogo della rinascita e dell’incontro dell’altro.

Alessandra, 17 anni, perde la madre dopo due anni di malattia e quando torna a scuola decide di azzerarsi, vuole essere ignorata, rifiuta quello che era stato il suo mondo (chiacchiere di vestiti, ragazzi e altre idiozie) e va a sedersi all’ultimo banco accanto a Gabriele detto Zero, la nullità della classe. Zerolandia però non è deserta e Gabriele non è una nullità, disegna con passione e talento, è molto attento e sensibile, la soccorre quando ne ha più bisogno. E se da un lato Alessandra riesce pian piano a elaborare il lutto, a riportare alla luce sentimenti e ricordi legati alla madre, dall’altro è sempre più confusa da ciò che prova per Gabriele che, improvvisamente si allontana, proprio quando per lei diventa importante.

Alessandra e Gabriele sono due giovani che vivono le loro difficoltà, muovono passi falsi, sono alla ricerca del sé e della felicità e la loro storia d’amore potrà prendere il volo solo se impareranno a conoscersi e a rispettarsi.

Potete trovare questo ebook in MLOL e scaricarlo per 14 giorni, cercatelo nel vostro portale (ecco la lista dei sistemi bibliotecari aderenti). Se non fosse presente, chiedete in biblioteca!